domenica 4 giugno 2017

Altra notte da incubo, quando basta una scintilla per dare vita all'orrore

Voglio qui esprimere tutto il mio dolore, smarrimento, sgomento e orrore per la terribile notte di ieri fra Londra e Torino. Inutile aggiungere altro: cosa descrivere, l'ennesimo furgone impazzito da cui escono truci terroristi accoltellatori? O stare a far le pulci al perché e al per come la folla di Piazza San Carlo si sia ritrovata a spingersi e anche calpestarsi per un terribile effetto a catena di una scintilla di panico? E' proprio questa tragedia ad avermi maggiormente impressionata, a farmi più paura... si, anche dei terroristi.

                              Risultati immagini per torino piazza san carlo

Pochi minuti ma spesso anche solo pochi secondi in un domino fatale ed ecco che una moltitudine relativamente ordinata, tranquilla, desiderosa solo di festeggiare diventa carnefice di se stessa. Le immagini si sono viste tutti, sembrava una scossa di terremoto e invece erano tifosi, giovani e adulti. Oggi pomeriggio il bollettino da guerra dei feriti è salito a 1527. Lo trovo terribile.


Senza bisogno di rievocare Heysel, scusate ma rischio il mal di stomaco, i precedenti non mancano ahinoi, vedasi un concerto dei Pearl Jam a Roskilde vicino Copenhagen nel 2000 con otto giovani morti schiacciati e soffocati, o i diciannove di Duisburg durante la Love Parade. Due vittime anche nel concerto di questo marzo di un certo Indio Solari in Argentina, ma rammento anche, tanti anni fa, una tragedia di adolescenti ad un concerto mi pare in Russia, dove a causa di un improvviso acquazzone molti minorenni scapparono verso la metropolitana per rifugiarsi e trovando per le scalinate verso i treni, fra gradini, buio e bagnato, una terribile morte, compressi e calpestatisi fatalmente fra di loro. E le due ecatombi a La Mecca del 2006 e del 2015, con in totale un migliaio di defunti? E nell'Uttar Pradesh in India nel 2008?
Inutile dare ora la colpa a questo o quello, alle bottiglie di vetro vendute, all'alcol, alla troppa gente, al fanatismo, alle transenne.

Non faccio che pensare agli otto codici rossi nel mare di feriti della terribile notte torinese, abbastanza da mettersi una mano sulla bocca e tacere. Chi vuol cercare cause ed effetti faccia pure, ma in silenzio. Io per ora non ce la faccio.

2 commenti:

  1. e a distanza di giorni una donna è morta.....

    RispondiElimina
  2. ...e non sai quanto mi ci girino le bale... oltre al dispiacere

    RispondiElimina